Sostenibilità e resilienza: la buona tecnologia deve essere per tutti o non è buona. Casi veri da replicare.

I professori del MIT Erik Brynjolfsson and Andrew McAfee hanno coniato nel 2014 l’espressione ‘Second Machine Age’ in un loro libro di successo in cui si descrive l’esplosione delle tecnologie digitali e le forti conseguenze sulla produttività globale, almeno equivalenti alla Prima Rivoluzione Industriale. Si sono diffuse quindi ‘buzzword’ e acronimi tecnologici che vivono fortune alterne: AI, IOT, Industry4.0, Machine Learning, Big Data, … ma qual è il cuore di questa rivoluzione digitale al di là delle mode tecnologiche di breve? Le piattaforme tecnologiche sono la risposta, con la loro capacità di democratizzare la tecnologia, diffonderla, renderla fruibile al di fuori delle strette cerchie iperspecialistiche di università d’élite e centri di innovazione. Esistono molti casi come Canoo, Eviation, Lightyear che dimostrano che, grazie all’utilizzo di Piattaforme Tecnologiche innovative, piccoli gruppi di innovatori seriali super-motivati possono intercettare i nuovi temi di sostenibilità e resilienza con business model inimmaginabili fino a qualche anno fa. Incontriamoli insieme in una veloce carrellata ‘ragionata’.

Keywords: 
Sostenibilità, Resilienza, Piattaforma, 3DEXPERIENCE, IOT, AI, BigData, Machine Learning
Orario dell'intervento: 
11:30 - 12:30
All'interno dell'evento: 
Data intervento: 
Giovedì, 28 Maggio, 2020
EUROMED Managing Director, Dassault Systèmes
Condividi: