Maria Picchio

Researcher, Nuclear Medicine, Scientific Institute San Raffaele

 

 

Laureata a pieni voti in Medicina e Chirurgia (1995), Specialità in Medicina Nucleare (1999), presso l’Università Statale di Milano.
Dal 2000 al 2003 ha svolto funzioni di Dirigente medico presso l’unità Operativa di Medicina Nucleare, Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor Ospedale San Raffaele, Milano.
Dal 2003 al 2004 ha svolto un periodo all’estero presso la Medicina Nucleare dell’Istituto Klinikum rechts der Isar, Technische Universität Munchen, Monaco, Germania, dove ha svolto attività di ricerca nell’ambito dell’imaging molecolare mediante tomografia ad emissione di positroni (PET) per lo sviluppo di traccianti per la valutazione dell’ipossia del tessuto tumorale.
Dal 2004 svolge funzioni di Dirigente Medico Ricercatore presso l’unità Operativa di Medicina Nucleare, Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor Ospedale San Raffaele, Milano.
Ha svolto attività di docenza dal 2000 ad oggi, sia per i Corsi di Laurea delle Università di Milano, che per le scuole di Specialità di Radiodiagnostica e Medicina Nucleare, che per Corsi di aggiornamento nazionali ed internazionali. 
Dal 2004 svolge funzione di Professore a contratto nell’ambito del corso di specializzazione in Medicina Nucleare, Università Milano-Bicocca.
Dal 2009 partecipa alla fase preparatoria del progetto European Advanced Translational Research Infrastructure in Medicine (EATRIS) del progetto European Strategy Forum on Research Infrastructure (ESFRI).
Dal 2010 Associatura presso l’istituto di Bioimmagini e Fisiologia Molecolare (IBFM-CNR) nell’ambito del modulo di Imaging molecolare in oncologia. 
L’attività di ricerca riguarda in generale l’uso della metodica PET per la valutazione e la caratterizzazione funzionale delle neoplasie. I principali campi di ricerca sono: 1) Studio del metabolismo glucidico con PET e PET/TC in pazienti oncologici; 2) Utilizzo della PET e PET/TC nella stadiazione e ristadiazione dei tumori; 3) Utilizzo della PET con 11C-Colina nella ristadiazione del tumore della prostata; 4) Sviluppo di traccianti PET per lo studio dell’ipossia nel tessuto tumorale; 5) Utilizzo della PET/TC nella definizione dei volumi di trattamento radioterapico.
Ha pubblicato circa 60 lavori scientifici per esteso su riviste recensite (h-index: 22) e 8 capitoli di libri. Ha partecipato con Abstracts a numerosi congressi nazionali ed internazionali. Ha partecipato a numerosi Congressi e Relazioni su invito e ha partecipato a numerosi Corsi in qualità di Docente. Ha ricevuto 6 premi per meriti scientifici.
Dal 2009 prende parte a gruppi internazionali per la stesura di raccomandazioni cliniche sull’uso della PET ed in particolare: “Joint EANM-EATRO recommendations on the use of PET/CT in radiotherapy planning” e “EANM recommendations on the use of PET/CT in prostate cancer”. Dal 2010 Direttore di un corso EANM-ESTRO (Educational Seminar) per “Positron Emission Tomography in Radiation Oncology”.
Ha titolarità di Finanziamenti di ricerca: Group leader di un progetto dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC), rispettivamente Responsabile Scientifico e Principal Investigator di due progetti del Ministero della Salute (Bando Oncologia e Giovani Ricercatori).

 

Condividi: