Messaggio di saluto di Diana Bracco | Women&Technologies: research and innovation (Edizione 2008)

Women & Technologies: Research and Innovation
Messaggio di saluto Diana Bracco
Delegato per la Ricerca ed Innovazione Confindustria


Desidero ringraziare gli organizzatori per avermi dato la possibilità anche se non di persona di poter rivolgere un sincero benvenuto a tutti i partecipanti a questo importante Convegno sul tema “Women & Technologies: Research and Innovation”.

Un titolo che ha in sé l’essenza del Futuro: tutte le parole in esso presenti infatti rappresentano il futuro, la crescita, lo sviluppo.

Parole per me da sempre familiari, e che dobbiamo tutti adoperarci perché lo diventino davvero per il Paese.

Solo puntando su capitale umano, ricerca ed innovazione potremo non solo migliorare la nostra competitività ma soprattutto lavorare per uno sviluppo diffuso e sostenibile in grado di assicurare migliore qualità della vita.

Deve essere un obiettivo comune a cui noi come donne sappiamo di poter dare un grande contributo.

Purtroppo anche in questo caso se guardiamo ai soli numeri ci rendiamo conto di come ci sia ancora da lavorare per assicurare una più ampia presenza femminile nei vari campi della ricerca e delle tecnologie in Italia.

Ma il trend è positivo: aumenta la quota di ricercatrici, che è passata dal 26% del 2001 al 32% del 2005; solo in Italia e nel Regno Unito (tra Germania, Spagna, Svezia e media UE) cresce il numero delle iscrizioni all’università/dottorato nelle discipline tecnico-scientifiche, nel 2006 l’Italia è al secondo posto nella graduatoria europea con un peso pari al 35,5% a fronte di una media UE27 del 29,8%.; guardando alla classifica di donne laureate nelle discipline tecnico-scientifiche l’Italia si colloca nella parte alta ben al di sopra di Paesi come Germania e Francia. Un ritardo notevole invece si rileva guardando la quota di occupate donne sul totale degli occupati nei settori high tech, ma anche qui vi sono segnali di ripresa.

Uno scenario che deve spronarci ad un impegno sempre maggiore.

Per questo come delegata per Ricerca ed Innovazione di Confindustria proseguirò l’azione svolta in questi anni. Opereremo per creare anche in Italia un ambiente favorevole alla ricerca ed innovazione, alla collaborazione tra università ed enti pubblici ed imprese, alla nascita di nuove imprese high tech.

Dobbiamo dare esempi concreti di come si possa fare “sistema” e lavorare insieme. Anche per questo insieme all’amica e collega Cristiana Coppola abbiamo lanciato un grande progetto Sud-Nord per individuare grandi idee-progetto di ricerca & innovazione che uniscano i territori e sappiano movimentare le tante risorse presenti nel nostro Paese.

Lavoreremo inoltre per diffondere la cultura della ricerca e dell’innovazione, coinvolgendo tutti i cittadini, cominciando dai bambini.

E’ un programma sicuramente impegnativo ma entusiasmante. E in questa azione so che potremo contare sul supporto di tutti voi.

Grazie e buon lavoro!

 

Data intervento: 
Lunedì, 8 Settembre, 2008
Condividi: