Donne nella Scienza

Sul sito idee, ispirazioni, personaggi, interviste possibili e impossibili a donne del passato e del presente che si sono distinte nell’ambito tecnologico e scientifico. E che meritano di essere raccontate alle ragazze del 2019.

È on line da pochi giorni il nuovo portale Donnenellascienza.it, progetto che intende raccontare alle ragazze del Terzo Millennio il valore e l’ingegno delle tante donne che hanno contribuito a innovare il mondo scientifico a partire dai suoi albori.

Dall’antichità più remota, con Ipazia di Alessandria, alle più giovani scienziate protagoniste dell’oggi, da Samantha Cristoforetti a Fabiola Gianotti passando per Elena Cattaneo, il portale è una preziosa miniera di informazioni di taglio biografico, culturale, sociale, storico, il tutto correlato agli ambiti di studio delle singole professioniste.

Il portale Donne nella scienza nasce originariamente nel 2012 grazie al cofinanziamento del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca all’interno del progetto ideato da Gianna Martinengo e Laura Moschini “Donne nella scienza. Interviste possibili ed impossibili alle donne di scienza dall’antichità ai giorni nostri”.

Il restyling grafico e contenutistico tiene conto dei contributi che in questi anni sono giunti da centri di ricerca, docenti, studenti ed interventi di natura diversa identificati nei media. 

“Queste donne – commenta Gianna Martinengo, Fondatrice di Women&Tech e Presidente di Didael KTS, società che ha curato lo sviluppo web, i contenuti e l’immagine del portale – si sono mosse, e si muovono ancora, su un palcoscenico ricco di stereotipi, di differenze marcate di genere. Hanno impiegato creatività, ingegno, fantasia, dedizione per affrancarsi da ruoli che le avrebbero relegate in secondo piano rispetto ai colleghi maschi e ora, insieme, rappresentano il miglior esempio per le ragazze che intendono affrontare gli studi scientifici”.

Il progetto del portale, che ha alla base finalità filantropiche, vuole però rimarcare il contributo reale che le donne hanno portato – a livello di valore sociale ed economico – nella scienza e nella tecnologia. “Anche per questo aspetto è importante sostenere il loro agire, il loro sforzo continuo, portatore di skill complementari, dunque arricchenti, a quelle degli uomini. Oggi come allora, le donne nella scienza non sono arretrate di un passo, conquistando diritti nella società e allo stesso tempo impegnandosi negli ambiti della ricerca e delle scienze: un doppio impegno che può davvero essere considerato un faro, nonché una fortissima motivazione, per le ragazze di oggi”, completa Gianna Martinengo.

Donnenellascienza.it è sempre in fieri: chiunque volesse segnalare una donna della scienza e della tecnologia e scrivere la sua storia, potrebbe contattare il sito attraverso il form dedicato (“Collabora”) che si trova in home page.

 

Condividi: